news - cibo - SaperInTavola - Barilla - campi - coltivati - agenzia - comunicazione - ufficio - stampa - ProsMedia - Verona - Wine - Love - Nicoletta - Apolito

Da terreni incolti a campi coltivati. Il progetto di Barilla, in collaborazione con Legambiente e AzzeroCO2, prevede la realizzazione di un Agribosco in grado di assorbire oltre 13.000 kg di CO2 ogni anno.

Da terreno incolto accanto all’autostrada a zona verde, con alberi e campi coltivati, che avrà la capacità di assorbire oltre 13.000 chilogrammi di CO2 ogni anno per i prossimi 100 anni. Ecco l’Agribosco che Barilla ha realizzato accanto al suo pastifico di Pedrignano, a Parma, su terreni di sua proprietà.

Il progetto realizzato in collaborazione con Legambiente e AzzeroCO2, ha ridato vita a terreni grandi come più di 30 campi da calcio. Qui i campi coltivati convivono con quello che sarà un bosco con 3.000 piante autoctone.

L’area verde sarà aperta e fruibile non solo ai dipendenti dell’azienda, ma a tutti i cittadini e soprattutto ai bambini che potranno scoprire il grano da cui nasce la pasta grazie a visite organizzate per le scuole.

L’obiettivo è anche quello di creare lungo l’autostrada un chilometro di terreno tutto piantumato grazie al coinvolgimento delle realtà aziendali che, oltre a Barilla, sono presenti nella zona dello stabilimento di Pedrignano.

Secondo le stime di AzzeroCO2, l’AgriBosco assorbirà oltre 13.000 kg di CO2 ogni anno per i prossimi 100 anni.

Nell’area si possono vedere campi di grano tenero con fiori e casette per le api e insetti impollinatori, campi di grano duro per la pasta, campi di girasole che ricordano la scelta di eliminare l’olio di palma.

Una scelta su cui la Barilla vuole continuare a basarsi, nonostante la difficoltà di reperimento delle materie prime di questo periodo, garantendo la continuità di fornitura di olio di girasole.

Lo stabilimento Barilla di Pedrignano è il più grande pastificio del mondo ed è sostenibile: il grano arriva in treno grazie ad un apposito snodo ferroviario in funzione dal 2015 e la produzione di pasta è dedicata in gran parte ai mercati esteri.

Grazie alla creazione dello snodo ferroviario, Barilla ha tolto dalle strade 5.000 camion all’anno e inoltre, grazie ai nuovi impianti, l’utilizzo di energia elettrica nella fase di produzione della pasta è stata ridotta di quasi il 25%.

Nel segno della sostenibilità anche la recente scelta di Barilla di togliere la finestrella di plastica dalle loro storiche confezioni blu di pasta: così da risparmiare 126.000 kg di plastica all’anno.

 

Scegliere di intraprendere la strada della sostenibilità è una vera e propria impresa eroica per le aziende del settore agroalimentare. 

SaperInTavola aiuta gli imprenditori a raggiungere i propri obiettivi aziendali grazie a un supporto mirato in base alla scelta dei livelli di comunicazione della sostenibilità da effettuare.

Curioso di saperne di più? Dai un’occhiata all’offerta servizi pensati per te imprenditore. 

Scopri di più

Seguici

© 2021 tutti i diritti sono riservati